Parola fatta canto – Riflessioni su musica e liturgia

Parola fatta canto- Riflessioni su musica e liturgia

«“Santità, quest’anno insieme alle grandi polifonie
ho eseguito Tu scendi dalle stelle e Astro del ciel,
due tradizionali canti popolari”
. E il Papa rispose:
“Ma da lì nasce la musica!”. Io replicai: “Li abbiamo eseguiti, però, in una mia rielaborazione moderna”. E Lui: “Ma la musica deve andare avanti …!”».

Il breve dialogo tra Benedetto XVI e Mons. Giuseppe Liberto, svoltosi il 4 gennaio 2009 nella Cappella Sistina, esprime molto bene il continuo confronto tra tradizione e innovazione che segna la lunga storia della musica liturgica cristiana, la quale ha avuto in Sant’Ambrogio e in Sant’Agostino i suoi precursori più noti.
L’opera musicale di Mons. Giuseppe Liberto, presbitero della Chiesa di Monreale, nominato nel 1997 Maestro Direttore della Cappella Musicale Pontificia “Sistina”, è certamente una tappa importante di tale storia bimillenaria.
La sua produzione musicale, sia in lingua latina che italiana, esprime in particolare la ricerca di interpretazione e attuazione della riforma liturgica del Concilio Vaticano II. Per la Libreria Editrice Vaticana ha aperto nel 2004 la collana Liturgica Poliphonia – I Canti della Cappella Musicale Pontificia “Sistina” e ha pubblicato molti lavori in campo vocale e strumentale.

Oltre al volume Parola fatta canto (Libreria Editrice Vaticana, 2009, 2011, ha pubblicato anche Cantare il Mistero (Edizioni Feeria, 2004), riflessioni su musica e liturgia, e Luce che insegue l’aurora (Edizioni Feeria 2007), raccolta di meditazioni poetiche.

La serata di presentazione del libro Parola fatta canto, in cui sono raccolti riflessioni e studi dello stesso su musica e liturgia, vuole essere sia un omaggio alla carriera artistica di Mons. Giuseppe Liberto, sia un omaggio ai due grandi Pontefici che lo hanno avuto come collaboratore, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.

A cura di Centro Culturale “Augusto del Noce” e Associazione musicale “Ensemble Armonia”

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *