Vivere insieme – autoconoscenza e rapporti interpersonali

venerdì 12 novembre 2010 ore 18.15

Biblioteca comunale di Pordenone, Piazza XX Settembre

Presentazione della pubblicazione a cura di Editrice Leonardo e Centro Culturale “Augusto Del Noce”

Il libro sarà presentato da Angela Volpini, fondatrice dell’Associazione Famigliare “Nova Cana” interverranno l’autrice Eleonora Zich e lo psicologo Silvio Gaspardo.

 


 

 

L’autrice

Eleonora Zich Alzetta, nata a Vienna nel 1938, da decenni si è occupa di psicologia, “counseling”, dinamica di gruppo, sessuologia e pedagogia.
Ha acquisito un patrimonio di formazione e di esperienza sul campo in tre diversi paesi (Austria, Sudafrica ed Italia). Ha continuato gli studi in Italia per tre anni nel campo della consulenza familiare con una èquipe di professori universitari tramite il CISF (Centro Internazionale Studi Famiglia) di Milano. Ha sempre operato, oltre che nella consulenza, nella promozione di attività pedagogiche riguardanti la prevenzione del disagio giovanile e la promozione umana e familiare. Inoltre ha lavorato part-time per il Consultorio Noncello di Pordenone per diciotto anni, per alcuni anni ha avuto responsabilità di coordinatrice del Centro Promozionale. Dal 1985 ad oggi ha insegnato educazione alla sessualità, gestendo corsi indirizzati ai giovani nelle scuole di ogni grado e nelle associazioni giovanili, come anche corsi indirizzati ai genitori.

Eleonora Zich ha già pubblicato con l’editrice Ancora il volume Vivere insieme: l’educazione sessuale, rivolto agli adolescenti, che ha avuto due fortunate edizioni, rispettivamente nel 1989 e nel 1992, ed ora raccoglie nel suo nuovo libro le esperienze di una vita nel campo della consulenza familiare e della prevenzione.

Vivere insieme. Autoconoscenza e rapporti interpersonali è uno strumento molto utile per soprattutto per le giovani famiglie, ma può essere utilizzato anche per i corsi per fidanzati e per l’educazione al rapporto interpersonale in genere, in quanto parte dall’assunto che non si può incontrare l’altro se non si conosce se stessi.

Angela Volpini

Angela Volpini è nata nel 1940, in una famiglia contadina, a Casanova Staffora, nell’Oltrepò pavese, dove vive tutt’ora. Dal 1947 al 1956 è stata protagonista di un’esperienza mistica straordinaria, che ancora bambina la catapultò al centro della cronaca e dell’attenzione di moltitudini di persone e di fedeli. Ha avuto il coraggio e la capacità di rielaborare questa sua esperienza in un pensiero la cui peculiarità principale è quella di aiutare l’uomo a rendersi consapevole delle sue infinite possibilità di sviluppo, e a riconoscere la felicità nella qualità della relazione con gli altri, come afferma lei stessa: “È cambiando la concezione del sacro e del divino che l’uomo può cambiare il modo stesso di guardare al mondo e alla
sua vita. Solo se ha una visione positiva di sé e del proprio futuro, infatti, l’uomo può assumersi fino in fondo le sue responsabilità, fare scelte orientate al suo bene e al tempo stesso al bene dell’umanità, fino a divenire persona in grado di progettare la comunità come arte di vivere insieme nella gioia”. Per meglio proporre questa sua innovativa visione dell’uomo e del mondo, nel 1958 Angela Volpini ha
fondato il Centro culturale “Nova Cana”, quale luogo di confronto e di dialogo in cui fosse realmente possibile valorizzare e riconoscere nelle istanze, nei desideri e nelle esigenze profonde della persona
umana, il fondamento della libertà e della creatività. Oltre ad aver promosso “Nova Cana”, si è sempre dedicata anche all’accoglienza e all’”ascolto” delle migliaia di persone che hanno visto in lei un riferimento sia sul piano personale che culturale; ha scritto decine di saggi e articoli a circolazione ristretta; ha pubblicato i libri: Resurrezione di Dio (1984), La Madonna accanto a noi (1990) e Capire Maria (2003); ha tenuto cicli di conferenze sia in Italia che all’estero e si è via via confrontata con molti tra i maggiori intellettuali e scienziati del nostro tempo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *